Come una cassaforte si può trasformare in elemento di design 

0 Shares
0
0
0
0
0
0

Ormai da tempo non si può fare a meno di idee di design. Ogni appartamento, ogni luogo del cuore, è arredato sì seguendo il gusto personale, ma anche scelte precise di design. Dai divani ai quadri, dai tappeti alle piante, tutto è pensato nei minimi dettagli. Forse per questo anche la cassaforte si è trasformata in un elemento importante per ogni casa, da quella più stilosa, a quella più minimal. 

cassaforte

Se prima esistevano soltanto le casseforti a muro, oggi per chi ne ha bisogno c’è solo l’imbarazzo della scelta. I modelli sono numerosi e perfetti per ogni esigenza. Insomma, l’interior design insegna che qualsiasi elemento può potenzialmente diventare un complemento d’arredo ricercato, proprio come la cassaforte.

Vediamo insieme perché può trasformarsi in un elemento di design e, perché no, scoprire qualche aneddoto curioso su questo prodotto antichissimo e affascinante. 

La cassaforte: perché elemento di design? 

Nell’immaginario collettivo, le casseforti sono spesso associate a oggetti pesanti, ingombranti e per niente ricchi di fascino, relegati a nascondersi nelle segrete degli uffici, nelle stanze blindate delle banche o dietro ai quadri di casa. 

Negli ultimi anni qualcosa è cambiato e, grazie al lavoro di designer creativi e aziende innovative, si sono trasformate in veri e propri elementi d’arredo, capaci di integrarsi perfettamente con gli stili più moderni e ricercati. 

Vediamo insieme perché. 

Oggetto funzionale e decorativo 

La prima caratteristica di una cassaforte è la sua funzionalità. Oltre a proteggere i beni preziosi dai furti, può essere dotata di diverse funzioni aggiuntive, come l’apertura biometrica, l’illuminazione interna a LED e la connessione Wi-Fi. Questo la rende non solo un oggetto sicuro, ma anche pratico e comodo da utilizzare.

L’aspetto estetico è un altro fattore fondamentale. Sì, perché le casseforti moderne sono disponibili in una vasta gamma di forme, colori e finiture, per soddisfare qualsiasi gusto e stile. Possono essere incassate nel muro, montate a parete o addirittura posizionate a terra come un vero e proprio complemento d’arredo.

Materiali pregiati 

Non è un segreto che per realizzare casseforti di design, vengano utilizzati materiali pregiati come acciaio inossidabile, legno massello, vetro e pelle. Le lavorazioni artigianali, come la verniciatura a mano o l’incisione laser, le rendono qualcosa di veramente pregiato. 

Integrazione con lo stile della casa   

Le casseforti possono essere integrate con qualsiasi stile d’arredo, da quello classico a quello moderno, dal minimalista all’industriale. Ad esempio, quelle in legno massello con finiture anticate si abbinano perfettamente a un arredamento classico, mentre quelle in acciaio inossidabile con linee essenziali sono ideali per un ambiente moderno. 

Da cosa dipende la scelta? Semplice, dalle nostre esigenze e dai nostri gusti personali. 

Qualche curiosità sulla cassaforte 

Sembra strano, eppure le casseforti esistevano già ai tempi degli Egizi, quando i faraoni custodivano i loro beni preziosi in camere segrete piene di trappole e stratagemmi per dissuadere i ladri. 

È nel Medioevo che si verificano i primi passi verso gli strumenti moderni. Vennero, infatti, introdotti sistemi di chiusura più complessi, come campanelli collegati ai chiavistelli (antenati degli allarmi) e le prime combinazioni numeriche per l’apertura.

A quando risale il progetto delle casseforti moderne? Il secolo è l’Ottocento e l’ideatore il francese Alexandre Fichet che brevettò la prima cassaforte moderna, caratterizzata da una struttura in acciaio e da un complesso meccanismo di chiusura. 

0 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like