arredare il soggiorno

Idee per arredare il soggiorno

0 Shares
0
0
0
0
0
0

Il living è ormai diventato una grande stanza ibrida, difficile da arredare. Ecco alcuni consigli su come arredare il soggiorno in modo funzionale e confortevole.

arredare il soggiorno

Molte ricerche dimostrano che il soggiorno è la stanza in cui le persone trascorrono la maggior parte del loro tempo: è il luogo dell’introspezione, del relax, il locale della casa in cui si trascorre del tempo libero, da soli o in compagnia. Prende anche il nome di “living room”, cioè “la stanza in cui si vive”, perché è proprio il cuore e l’anima della casa. 

In passato, i locali della casa, avevano un uso e dei confini ben più definiti: c’era la cucina, la sala da pranzo, il soggiorno e, negli immobili più ampi, il salotto, la stanza adibita all’accoglienza degli ospiti; per questo, il salotto, veniva definito anche con il termine inglese “parlor” o “parloir” in francese, prendendo origine dal vocabolo latino “parlatorium”, il locale appunto destinato alla conversazione, alle chiacchiere.

Oggi viviamo le nostre case diversamente e questo tipo di confini sono diventati irrilevanti e fisicamente inesistenti: gli open space vanno quasi sempre per la maggiore, il soggiorno ospita cucina, sala da pranzo, salotto, zone relax e zone lavoro tutte negli stessi (a volte pochi) metri quadrati.

Vediamo oggi, per la rubrica home therapy, alcune idee per arredare il soggiorno.

Partire dalla destinazione d’uso

Come abbiamo detto, il soggiorno è ormai diventato “una grande stanza ibrida”, ma lo arrediamo comunque di default, in modo automatico: nel soggiorno ci va il divano, il televisore, un tavolo grande per gli ospiti, il tavolino da caffè, etc.

Migliaia di euro spesi per acquistare gli arredi e poi il tavolo da pranzo da dodici non lo utilizzi mai perché non hai tempo per cucinare e sinceramente non ami molto avere ospiti; il divano è scomodo per leggere, preferivi una poltrona ma adesso proprio non sai dove metterla; il tuo living è diventato un ufficio ma non sai bene dove metterti a lavorare.

Ecco la regola numero uno: prima di acquistare qualsiasi tipo di arredo, capite qual è la destinazione d’uso del vostro soggiorno, le azioni che vi svolgete più di frequente nella giornata. Se leggete molto, nel vostro soggiorno ci deve essere una zona lettura con una grande libreria, se vi piace avere ospiti allora un grande tavolo è d’obbligo, ma dovete scegliere, soprattutto se non godete di grandi metrature. 

arredare il soggiorno

“E’ vero, io non cucino e non ho spesso ospiti, ma se poi un giorno mi viene voglia di averne e non ho il tavolo?”. Per gli indecisi, per quelli che “non si sa mai…”, ci sono tantissime scelte d’arredo che hanno doppia funzione: i tavoli-consolle, ad esempio, sono molto utili perché da chiusi non occupano molto spazio, si possono utilizzare come scrivania,ad esempio, per creare un angolo smartworking e si possono allungare anche fino a 3 metri.

Scegliere la destinazione d’uso è fondamentale perché vi permetterà di utilizzare al meglio ogni spazio della casa.

arredare il soggiorno

Idee per arredare il soggiorno

Una volta capita la destinazione d’uso, diventa più semplice scegliere colori e arredi. Una cosa che vi consiglio di fare è di cercare di dividere le zone, magari in modo creativo o particolare. Potete utilizzare dei separé, delle istallazioni in legno o delle librerie bifacciali.

Molto interessante può essere l’idea di dipingere con dei colori d’accento alcune zone del soggiorno, utilizzando la pittura fino al soffitto per creare degli angoli particolari e dividere così una zona da un’altra.

I grandi tappeti sono ottimi per delimitare le zone, oltretutto danno colore e calore alla casa.

Per quanto riguarda gli arredi e i colori, scegliete anche questi di conseguenza allo spazio che avete e alla destinazione d’uso che volete farne. 

Se siete persone più introspettive, che amano stare soli e preferite utilizzare il vostro soggiorno in intimità, per leggere o guardare un film, scegliete colori caldi, avvolgenti, rilassanti, come i colori della pelle (come rosa, beige, tortora) o i colori di terra. 

Se invece il vostro soggiorno è sempre pieno di persone e siete l’ospite per eccellenza, preferite colori vivaci, frizzanti e brillanti che favoriscano la convivialità e la conversazione, come gli azzurri, i verdi nelle fresche tonalità mela o prato ad esempio o il giallo, colore del sole, della luce e dell’energia. 

Se vuoi saperne di più di home therapy o di come puoi rinnovare la tua casa con un basso budget, visita il sito www.Sphomecoming.it e scrivimi nella sezione Contatti.

0 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like