Porta blindata: quali agevolazioni fiscali utilizzare per accedere alle detrazioni

1 Shares
0
0
1

Come scegliere tra Bonus Sicurezza e Ecobonus per accedere alle detrazioni per l’acquisto della porta blindata.

porta blindata

Se avete deciso di acquistare una porta blindata e vi siete quindi orientati nel mercato tra le varie caratteristiche tecniche ed estetiche, arrivando quindi ad individuare il modello adatto alle vostre esigenze, sappiate che attualmente esistono delle detrazioni fiscali che è possibile sfruttare per abbattere il prezzo della vostra porta.

Una “detrazione fiscale” è infatti un importo che lo Stato sconta al contribuente per ridurre l’ammontare di un’imposta da pagare.

Attualmente sono disponibili due misure che permettono l’accesso a una detrazione fiscale in caso di acquisto di una porta blindata: il Bonus Sicurezza (che fa parte del cosiddetto Bonus Ristrutturazioni) o l’Ecobonus.

Utilizzare il Bonus Sicurezza

Se non abbiamo particolari lavori di ristrutturazione da eseguire nella nostra abitazione, la soluzione più semplice per accedere ad una detrazione fiscale è acquistare una porta blindata con il Bonus Sicurezza. L’Agenzia delle Entrate indica infatti come ammissibili al Bonus gli interventi volti a prevenire il compimento di atti illeciti, come ad esempio l’installazione di sistemi antieffrazione per finestre come grate e inferriate o nuove porte d’ingresso blindate.

Questa misura prevede una detrazione pari al 50% su un massimo di spesa di € 96.000, comprendendo tra le spese oltre al costo dei materiali anche quello relativo alle spese professionali.

Trattandosi di interventi di manutenzione ordinaria gli adempimenti burocratici sono sicuramente più limitati rispetto a quelli richiesti da altri Bonus e il lavoro è soggetto a meno vincoli, che invece altre agevolazioni fiscali richiedono.

Acquistare la porta blindata con l’Ecobonus

Se invece avete in programma dei lavori più impegnativi per la vostra abitazione, finalizzati ad interventi di risparmio energetico, è possibile acquistare una porta blindata con l’Ecobonus, una misura che prevede una detrazione del 65% o 50% su IEPEF o IRES, da suddividere in 10 anni. In questa agevolazione rientra anche la sostituzione delle porte d’ingresso (come le porte blindate), ma devono essere rispettati alcuni parametri. 

Innanzitutto, la porta blindata dovrà rispettare alcuni parametri di efficienza termica (diversi a seconda della zona climatica in cui si trova l’abitazione) e il suo acquisto dovrà quindi essere accompagnato da una certificazione di trasmittanza termica. 

L’importo della detrazione fiscale poi è vincolato ad un massimale di spesa, stabilito dal Decreto. Sono infatti stati introdotti dei massimali al metro quadro stabiliti in funzione della zona geografica di residenza, che stabiliscono qual è l’importo massimo detraibile. Se la spesa supera questo importo, la differenza rimane quindi a carico del cittadino e non è detraibile.

Gli adempimenti per accedere all’Ecobonus non sono semplicissimi, in quanto prevedono tra gli altri l’invio di una pratica ENEA, per la quale solitamente ci si rivolge a dei professionisti del settore. Il costo della pratica rientra però tra le spese consentite dall’agevolazione fiscale.

Le due detrazioni (Ecobonus e Sicurezza) non sono ovviamente cumulabili tra loro.

Se avete quindi necessità di acquistare una porta blindata, al momento della valutazione del prezzo d’acquisto tenete presente che la presenza di queste agevolazioni fiscali può rappresentare un incentivo notevole ed un risparmio sul prezzo finale. 

Leggi i post della categoria Ristrutturare.

1 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You May Also Like