Summer house: uno chalet scandinavo negli Hamptons

chalet scandinavo agli Hamptons soggiorno

Oggi vi porto negli Hamptons, la celeberrima penisola che ospita le più belle case di vacanza dei vip e benestanti newyorkesi.

Non aspettatevi nulla di sontuoso, che come ben sapete non è il mio stile preferito, e nemmeno quello di Harriet Maxwell Macdonald, la proprietaria di quella che lei stessa definisce “uno chalet scandinavo”. La designer inglese è una delle fondatrici di OCHRE, un brand di design che possiede diversi showroom a Londra e New York, e dal 2003 vive a Manhattan con il marito e i tre figli. Alla ricerca di un luogo tranquillo dove potersi ricaricare durante i week end, la coppia si è innamorata di Shelter Island, un’isola ancora incontaminata degli Hamptons.

chalet scandinavo agli Hamptons terrazza

Le immagini che vi mostro oggi sono antecedenti al successivo relooking, con il quale Harriet ha voluto dare un aspetto più contemporaneo e minimalista allo chalet. Io preferisco di gran lunga la prima ristrutturazione, in uno stile molto più rustico, che meglio si adatta, secondo il mio parere, ad un paesaggio selvaggio come quello che la circonda.

chalet scandinavo agli Hamptons soggiorno

Adoro le pareti rivestite con pino grezzo sbiadito, i tessuti in lino, i tocchi di design scandinavo, come le sedie Wishbone di Hans Wegner, gli imbottiti con abbondanti cuscini: l’ambiente che ne risulta è molto caldo e accogliente, perfetto per trascorrervi un week end in totale relax.

chalet scandinavo agli Hamptons soggiornochalet scandinavo agli Hamptons studiochalet scandinavo agli Hamptons camera bagno

 

Credits Côté Maison//Ditte Isager

Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

2 Comments

  1. 22/08/2018 / 18:52

    Ciao Cinzia, ci devi far vedere anche la versione più moderna, perché quella rustica è andata dritta al cuore 🙂
    Buona settimana.
    Marina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.