Shabby chic on friday: la zona pranzo

Benvenuti al consueto appuntamento del venerdì {shabby chic on friday}

La settimana scorsa vi avevo parlato della cucina, precisamente della zona attrezzata. Oggi mi occuperò della zona pranzo, che può essere in cucina, se lo spazio lo permette, oppure in soggiorno o in una stanza separata. Grandi protagonisti della zona pranzo sono il tavolo e le sedie, naturalmente di recupero. Per ottenere un effetto shabby chic si possono utilizzare sedie spaiate, oppure ricoperte con stoffe un po’ stropicciate o con teli grezzi. Completano la tavola shabby chic  vecchie tovaglie  e un’apparecchiatura d’antan. Anche nella zona pranzo è importante creare un’atmosfera di vissuto, di apparente disordine e casualità. Una delle caratteristiche dello shabby chic è senza dubbio la praticità: non importa se la tovaglia è scolorita dai lavaggi o se i piatti sono spaiati o sbeccati: queste caratteristiche sono ricercate e peculiari dello stile. Per  completare la scenografia non possono mancare centrotavola con fiori di campo o rose inglesi già aperte o quasi sfiorite, sistemati in vasi un po’ opachi o in altri contenitori reinventati, candelabri di legno o d’argento un po’ macchiato, alzatine e bricchi. Con questi accorgimenti si apparecchia una tavola d’effetto, elegante e apparentemente informale: dietro  la semplicità, in realtà c’è una rigorosa selezione di oggetti e una attenta disposizione di ogni elemento.

Come avrete notato lo stile shabby chic, pur avendo le sue regole di base, permette una grande libertà di scelta che sfocia nella creazione di uno stile personale.

Possiamo dare  un’impronta spartana e minimalista o romantica e ricercata: le innumerevoli sfumature di questo stile rendono ogni casa unica e irripetibile.

PINTEREST INSPIRATION: per altre idee c’è la mia bacheca su pinterest (clic)

Se volete saperne di più, acquistate il libro La Magia del Bianco. Lo stile Shabby chic in Italia.

A presto!

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.