Tendenze: il ritorno della paglia di Vienna

il ritorno della paglia di Vienna tavolo cassina

Lo avrete certamente notato: da un paio d’anni a questa parte la paglia di Vienna è tornata di moda nell’arredamento, complici le tendenze che la vedono perfettamente inserita nei gettonatissimi stili scandinavo e tropical (o coloniale).

Eppure, questa particolare lavorazione della paglia, una fibra vegetale ricavata dalla canna d’India, ha origini che si perdono nella notte dei tempi, come testimoniano alcuni mobili risalenti all’epoca Egizia. Nei tempi moderni, la paglia di Vienna ebbe una prima fiammata di notorietà ai tempi d’oro della reggia di Versailles, andando a rivestire poltrone, letti, sofà.

Tendenze: il ritorno della paglia di Vienna mobili Versailles

Caduta in oblio dopo la Rivoluzione, tornò alla ribalta grazie a un certo Michael Thonet, l’inventore dei celebri mobili di legno incurvato. Nel 1842, l’abile ebanista venne chiamato alla corte di Vienna per occuparsi dell’arredo, ma furono i suoi figli, che ereditarono la fabbrica, a inventare la Sedia N°14, con la seduta in paglia di Vienna. Da allora questa lavorazione assunse il nome dell’omonima città, dalla quale partì alla conquista del mondo intero, anche grazie all’industrializzazione della produzione.

il ritorno della paglia di Vienna 4 sedie thonet

Sedie Thonet

Seguirono di nuovo anni di oblio, fino a quando la nostra paglia non ricomparve in un’altra icona del design: siamo nel 1928 e il materiale del momento è il tubolare d’acciaio. Marcel Breuer decide di dare un tono più caldo alla sua sedia B 32, detta anche Cesca, grazie appunto al rivestimento in paglia di Vienna.

il ritorno della paglia di Vienna sedie breuer

Sedie Breuer via almostmakesperfect.com

Tornando ai giorni nostri, dopo un revival dei mobili francesi di epoca settecentesca nello stile Shabby Chic, la paglia di Vienna torna a essere uno dei materiali privilegiati da designer e architetti, che lo stanno riproponendo in innumerevoli versioni. Ecco le proposte che mi affascinano di più:

il ritorno della paglia di Vienna armadio Herve

Armadio Hervé, Atelier Aurélie Rimbert

il ritorno della paglia di Vienna armadio

Armadio della Cane Collection by Atelier 2+

il ritorno della paglia di Vienna panca

Panca Bernades by Andreu Carulla

il ritorno della paglia di Vienna ivar ikea

Il mobile Ivar di Ikea trasformato da septemberedit.com

il ritorno della paglia di Vienna buffet

Buffet STRAW by Isabelle Gilles et Yann Poncelet

il ritorno della paglia di Vienna radio

Radio Hybrid by Mathieu Lehanneur per Lexon

Immagine di copertina: Tavolino 529 Rio by Charlotte Perriand (Cassina).

Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi. Riceverai una email mensile che riassume i post del blog ma non solo: la newsletter sarà arricchita da contenuti riservati solo agli iscritti, come mood board su colori, materiali, arredi e complementi, infografiche con idee e suggerimenti per disporre mobili e oggetti, DIY e ispirazioni. 
Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

2 Comments

  1. 26/06/2018 / 11:18

    Ciao Cinzia, devo confessare che lo stile coloniale mi è sempre piaciuto, e la paglia di Vienna mi riporta alla mente dei ricordi. È uno stile fresco, che rende tutto un’eterna primavera-estate 😊
    Un abbraccio.
    Marina

  2. 26/06/2018 / 14:55

    Ciao Marina, concordo. La paglia di Vienna è davvero un “sempreverde”, prima o poi torna di moda 🙂
    Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.