La nuova normativa europea sull’efficienza energetica

Buondì cari amici. In questo nuovo articolo della serie Smart Home vi parlerò della nuova normativa europea sull’efficienza energetica per gli impianti di riscaldamento, inclusa in un piano comunitario più ampio che si prefigge di ridurre le emissioni di gas serra del 20% entro il 2020.

Nello specifico, la direttiva Ecodesign ErP (Energy related Product) riguarda tutti i prodotti connessi all’utilizzo di energia, come lampadine, climatizzatori, televisori, computer, elettrodomestici, impianti per il riscaldamento dell’acqua e dell’ambiente, e ha come obiettivo la sostituzione graduale di tutte le vecchie apparecchiature con prodotti ad alta efficienza energetica.

Per quanto riguarda il riscaldamento domestico, la normativa è entrata in vigore nel settembre 2015 e coinvolge tutti i produttori di caldaie, che sono ormai obbligati a produrre e commercializzare sul mercato europeo apparecchi che utilizzano la tecnologia a condensazione.

La normativa è molto chiara, tuttavia gli utenti possono avere difficoltà ad orientarsi quando si trovano nelle condizioni di sostituire la vecchia caldaia.

Per questo l’Unione Europea ha stabilito che tutti i prodotti interessati dalla normativa devono essere accompagnati dalla nuova etichetta energetica europea, grazie alla quale scegliere un apparecchio energeticamente efficiente e con migliori prestazioni funzionali dovrebbe essere più facile.

Quanti di voi sanno leggerle correttamente? Vediamo di fare un po’ di chiarezza.

normativa europea efficienza energetica

Ogni etichetta ha una scala graduata di lunghezza crescente e di colore diverso: ogni fascia è associata a una lettera, da A+++ (apparecchi con i consumi più bassi) a G. La classe di efficienza energetica dell’apparecchio è evidenziata con una freccia nera.

L’etichetta identifica anche il marchio del produttore, il modello, il consumo di energia e i dati sulle caratteristiche tecniche riassunti in pittogrammi di facile comprensione.

Nel caso delle caldaie, ci sono diverse etichette, in base al tipo e alle funzioni del prodotto (riscaldamento dell’acqua o solo d’ambiente o di entrambi, e in questo caso l’etichetta deve riportare entrambe le classificazioni).

Per aiutarvi nella scelta dell’apparecchio adatto a voi, alcuni produttori offrono uno strumento facile e veloce per configurare l’etichetta energetica on line.

L’adeguamento dell’impianto di riscaldamento alle nuove norme può sembrare oneroso, tuttavia le nuove caldaie a condensazione possono farvi risparmiare fino al 35% sul consumo di gas, consentendo di ammortizzare i costi in pochi anni. Se intendete rinnovare o adeguare il vostro impianto di riscaldamento, la scelta migliore è di optare per un sistema che consenta di regolare la temperatura nel modo più completo possibile, come ad esempio il Kit Ariston NET, che integra la caldaia con un sistema di controllo a distanza, permettendo di calibrare il riscaldamento in ogni ambiente e in base alle diverse esigenze, evitando gli sprechi.

Per aiutarvi a risparmiare ulteriormente, lo stato italiano ha stabilito l’Ecobonus Domotica, che permette di detrarre il 65% delle spese sostenute per chi acquista e installa impianti e sistemi di controllo a distanza e smart home.

Se il vostro impianto è obsoleto, questo è il momento migliore per cambiarlo: una scelta ecosostenibile che vi farà risparmiare e migliorerà il vostro benessere.

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.