13.3.17

Tour della Sicilia orientale: 4 siti UNESCO da non perdere

Sicilia
Louis-Laurent-Grandadam-via-Getty-Images

Storia e cultura, paesaggi incantevoli, cibo squisito e clima piacevole: tutto questo si può trovare in Sicilia, una meta perfetta per vacanze indimenticabili.
La cosa più difficile, nell’organizzazione di un viaggio in Sicilia, è la scelta dei luoghi da visitare, vista la ricchezza del patrimonio storico e delle bellezze naturali che questa isola offre. Un consiglio che mi sento di darvi è quello di concentrarsi su una zona circoscritta, pianificando un itinerario che comprenda città d’arte, siti archeologici, parchi naturali e spiagge, così da poter apprezzare tutto ciò che il territorio ha da offrire anche se avete pochi giorni a disposizione.
Oggi mi soffermo sulla Sicilia sud occidentale, segnalandovi 4 tappe assolutamente da non perdere, tutte iscritte nella lista del patrimonio dell’umanità.
Per prima cosa dovete scegliere il luogo in cui soggiornare, valutandone la posizione geografica rispetto all’itinerario scelto. L’ideale potrebbe essere una struttura dotata di tutti i confort, soprattutto se viaggiate con i bambini, così da poter alternare i giorni dedicati alle escursioni a momenti di relax sulla spiaggia o sul bordo di una piscina. Tenete presente che spesso queste strutture offrono pacchetti molto convenienti che comprendono anche i voli di andata e ritorno, come per esempio il Serenusa village, un villaggio posto sull’incantevole spiaggia di Licata, in una posizione perfetta come base per le escursioni nei dintorni e a soli 130 chilometri dall’aeroporto di Catania.

Serenusa Village Licata

Lungo il tragitto dall’aeroporto di Catania a Licata, prevedete una piccola deviazione per visitare un sito archeologico unico al mondo: la Villa del Casale di Piazza Armerina, in provincia di Enna. La villa, di dimensioni notevoli, risale al periodo tardo antico dell’Impero Romano, e conserva le magnifiche decorazioni dell’epoca, tra cui gli splendidi mosaici che ornavano i pavimenti. Molto interessante il mosaico raffigurante alcune fanciulle intente a fare ginnastica, coperte da due pezzi di stoffa che ricordano gli odierni bikini.


A pochi chilometri da Licata si trova la città di Agrigento, che ospita il sito archeologico più grande al mondo: la Valle dei Templi, risalente al periodo ellenico. Questo sito è caratterizzato dall’eccezionale stato di conservazione e da una serie di imponenti templi dorici. In estate sono previste anche le visite serali, in cui si possono ammirare i templi illuminati: un'esperienza molto suggestiva.

Ellen-Rooney-via-Getty-Images

Altra meta irrinunciabile, la città di Siracusa, dove consiglio di fermarsi un’intera giornata, magari cominciando, in mattinata, con un’escursione al Parco Marino del Plemmirio, con il suo paesaggio incontaminato e le calette dal mare cristallino. Nel pomeriggio, visita della città di Siracusa e del Parco archeologico della Neapolis, con le rovine del maestoso teatro greco. Non perdetevi poi il suggestivo Orecchio di Dionisio, una grotta a forma di orecchio, associata ad una leggenda sull’omonimo tiranno.
Infine, per concludere la visita della città, vale la pena di visitare l’Isola di Ortigia al tramonto: percorrendo il corso Umberto I si attraversa l’omonimo ponte per giungere su questo lembo di terra, dagli eleganti palazzi e ricco di testimonianze lasciate dai Greci, che vi fondarono la colonia di Siracusa.

silvi78-via-Getty-Images
E.M.R.S.S.---Siracusa
Seguendo il filo della storia, dopo le testimonianze artistiche lasciate dai greci e dai romani, ci spostiamo nel periodo della dominazione spagnola, visitando uno dei gioielli dell’arte barocca che la Sicilia conserva: la città di Modica.
Famosa anche per il suo cioccolato, Modica è conosciuta anche come la città “delle 100 chiese”, tra cui la chiesa di San Giorgio, con il suo scenografico prospetto barocco e l’imponente scalinata con ben 250 gradini. 

Ragusa-news
chocomodica


Share:
© La gatta sul tetto | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig