28.4.17

Location per feste a Milano: idee trendy e low cost!

Credit: Sugar & Cloth
Organizzare una festa a Milano che sia originale e trendy, senza mandarci in rovina è possibile. Dalla scelta della location per feste alla definizione del menù: i consigli da seguire per non spendere troppo.

Iniziamo dal menù

Una festa che si rispetti ha un menù che si rispetti, come offrire ai propri invitati cibo e bevande genuine, gustose, ma senza spendere una fortuna in catering? Se il budget è molto limitato, l’opzione aperitivo a buffet è la più consigliata: niente tavoli con persone in attesa delle portate servite da camerieri, ma una bella tavolata imbandita dove servirsi fino a quando non ci si sente sazi. Il buffet è un’ottima soluzione anche se desiderate offrire una cena vera e propria, non servirà comunque personale che serve ai tavoli, ma solo camerieri che alterneranno le portate al tavolo del buffet. E quanto alla scelta del menù, ricordate la regola: meno portate, ma di qualità, privilegiate i prodotti del territorio e di stagione, ricette semplici. Ovviamente dimenticate cristalli e stoviglie d’argento, privilegiate un usa e getta, rigorosamente biodegradabile.

original photography for apartment 34 by Ashley Batz
Anche la data può impattare sul budget

Per minimizzare il costo dell’affitto location per feste a Milano anche la scelta della data è importante: le date più gettonate, avranno un costo maggiore, i prezzi dell’affitto saranno più alti, il costo del personale da ingaggiare sarà più alto, e via dicendo. Se si ha la possibilità di scegliere tra un ventaglio di date, non sarà ovviamente il caso delle feste di Capodanno, Natale o altre ricorrenze, ma nel caso di celebrazioni che è possibile organizzare liberamente e con un certo anticipo, è il caso delle feste aziendali, ma anche di un matrimonio, è possibile risparmiare qualche soldo evitando l’alta stagione o, semplicemente, scegliendo un giorno della settimana che non sia il weekend. 

La location per la festa 

La città di Milano offre tantissime possibilità, più o meno economiche, per l’organizzazione di una festa. È consigliabile innanzitutto fare una ricerca per individuare eventuali offerti speciali, altrimenti è bene cominciare i propri sopralluoghi dai quartieri meno “in” e meno centrali, che offriranno sicuramente un’ampia gamma di location per feste a costi inferiori. Anche la tipologia e l’ampiezza della location possono influire sul costo, passate in rassegna tutte le opzioni, purché siano adatte al tipo di festa che desiderate organizzare e al numero di inviati previsto, e scegliete la più economica disponibile.

Credit: Superstudio
Quanti invitati?

Va da sé che un catering per 50 costerà di meno di un catering per 100 persone, e questo discorso varrà per tutte le voci di costo dell’organizzazione della vostra festa. Se con il budget ancora non ci siamo e occorre abbattere ancora qualche spese, non vi resta che rendere la vostra festa ancora più “esclusiva” e rivedere la vostra lista invitati. Può trattarsi di un’operazione non semplice, con un po’ di buon senso si arriverà alla soluzione ottimale per le proprie tasche, senza che nessuno ci resti male!
Share:

25.4.17

The plum guide: dormire nelle case più belle di Londra



Buondì cari amici! Dopo qualche giorno di assenza, torno con una nuova rubrica e un'altra in preparazione. Come sempre ho molte idee e progetti per rendere sempre più utile e interessante il blog, e spero che queste novità vi piaceranno.
Oggi vi presento la rubrica The plum guide: dormire nelle case più belle di Londra, in cui vi mostrerò case bellissime in cui potrete anche soggiornare per una vacanza o un week end da sogno a Londra, grazie alla nuova collaborazione con The Plum Guide. Questo progetto mi entusiasma moltissimo, sia per l’alto livello delle dimore proposte, sia per il fatto che si possano ammirare dal vivo e non solo dallo schermo del computer!

The Grand, Hackney, Londra
The Grand, Hackney, Londra
The Plum Guide è una startup che si propone di diventare la "Guida Michelin della sharing economy", selezionando le case più esclusive nei quartieri più belli di Londra, e scegliendo proprietari che, come gli chef stellati, sono appassionati, creativi e capaci di offrire ai loro ospiti un soggiorno indimenticabile: in poche parole, dei veri e propri artisti nell’arte del ricevere.
Un obiettivo ambizioso per un progetto che introduce il concetto innovativo del “lifestyle booking platform”: non a caso tra i criteri stabiliti per entrare nella Plum list rientrano la qualità del design, lo stile dell'arredo e dei complementi, la presenza di dispositivi tecnologici, la personalità e la storia che caratterizzano la casa e i loro proprietari, che vengono scelti anche per la loro conoscenza del quartiere e per la loro accuratezza nel suggerire i luoghi più interessanti, che si tratti di ristoranti, negozi, musei o monumenti. 

La la London, Islington, Londra
La la London, Islington, Londra
Sul sito ci sono attualmente circa 600 location certificate con il marchio The Plum Guide Official Selection, tra appartamenti, edifici, loft e persino barche ormeggiate in romantici canali.
Ogni appartamento possiede almeno 3 “punti di forza”, dal camino alla terrazza sul tetto, dall’home cinema al vecchio giradischi con la collezione di vinili, ed è stato personalmente testato dagli esperti di The Plum Guide su ben 32 criteri, dai materassi alla potenza del soffione della doccia, dal rumore alla qualità del bagnoschiuma, dalla presenza di locali e negozi di alto livello nella zona agli utensili della cucina, perfino la qualità del l'olio e del caffè. Se pensate che queste case sono state selezionate tra 30.000 candidature, potete farvi un'idea di quanto siano esclusive e particolari.

View from the top, Covent-Garden, Londra

Boys just want to have fun, Clapham, Londra
Io mi sono persa tra case in stile country, vittoriano, moderno, georgiano...sognando di preparare la colazione in una cucina retrò, di passare la serata davanti a un caminetto acceso o di fare il bagno in una vasca free standing su piedini! 

Pure, Shoreditch, Londra
The Easton Diamond, Clerkenwell, Londra
Velvet Morning, Maida-Vale, Londra
Victoria Garden, Pimlico, Londra
Garden Apartment in Chelsea, Chelsea
Avete visto che meraviglia? Ora vi saluto e vi do appuntamento a settimana prossima con la prima location. Vi aspetto!
Share:

21.4.17

Fuorisalone 2017: le proposte dei giovani talenti a Ventura Lambrate

piantana MARGHERITA di BALUME

Dopo 10 giorni dalla fine della Milano Design Week e dopo aver messo ordine tra le decine di fotografie, biglietti da visita e dépliant, sono riuscita a selezionare e a catalogare alcune delle proposte viste durante il mio (quasi) casuale girovagare.
Non è stato facile scegliere tra le centinaia di esposizioni, installazioni ed eventi: pur avendo scartato il Salone a Rho a favore del Fuorisalone, mi è rimasta addosso la sensazione di aver mancato qualcosa. Quest’anno non sono riuscita a visitare il Tortona district e nemmeno il nuovo Isola district, ho sfiorato Sant’Ambrogio e tentato di vedere il più possibile a Brera, senza successo per via della folla oceanica (se si esclude il social event legato a White in the city, cui ero invitata).
In compenso sono stata due volte a Lambrate Ventura: sarà perché la mia natura di spirito libero si è adattata immediatamente all’atmosfera rilassata e festaiola, senza la presenza inquietante dei “buttafuori” incravattati e con tanti ragazzi stranieri allegri e sorridenti.
E poi ho voluto testare con mano la fama di distretto “ribelle” che Ventura Lambrate si é conquistato presentando progetti di start-up e di giovani talenti provenienti dalle università di mezza Europa, tra prototipi, sperimentazioni e soluzioni eccentriche. Mi piace pensare che molti degli oggetti proposti diventeranno un giorno icone del design.
Oggi vi presento una selezione di progetti che hanno alcuni elementi in comune, come la possibilità di personalizzare il prodotto a proprio piacimento, anche grazie a tecniche digitali, o quel tocco di genio che ci si aspetta da un giovane talento. In generale, abbiamo visto molto legno e cartone, materiali riciclati e contenitori per piante ornamentali o commestibili.

Cominciamo con Walli, un sistema modulare di rivestimento delle pareti in cartone, una sorta di rivisitazione in chiave contemporanea degli storici soffitti a cassettoni, personalizzabile e adattabile ad ogni ambiente. Progetto tutto italiano di WALLI DESIGN.

La boiserie WALLI
INUTIL DESIGN é un'altra start up italiana che fa del riciclo il suo punto di forza: gli oggetti costruiti a partire dalla struttura di sdraio vintage di legno sono molto originali, come il bellissimo tavolo che si può piegare a diverse altezze o gli appendiabiti:

INUTIL DESIGN

Originali e raffinati gli oggetti "connessi" proposti da MUEMMA, un'azienda artigiana tedesca che ha come mission l'armonizzazione e l'integrazione della tecnologia negli spazi abitativi. Tra i prodotti di punta, molto eleganti, i tavolini studiati appositamente per alloggiare dispositivi con relative ricariche e lo speaker multifunzione che diffonde musica dai dispositivi, li ricarica e li contiene.

ARiNA bluetooth speaker e TRELLIS charging side table
Una delle tendenze di questo Fuorisalone è senza dubbio la customizzazione dei prodotti, il DIY fatto design: mobili e lampade modificabili e adattabili a proprio piacimento, come la libreria X.me disegnata da Salvator Jonh A. Liotta e Fabienne Louyot, LAPS Architecture e Alberto Scibetta, e prodotta da MYOP, o i mobili PLAYWOOD completamente assemblabili come dei Lego.

la libreria modulare X.me di MYOP

Sistema modulare PLAYWOOD
O ancora l'incredibile ANYLAMP, le lampade che si possono disegnare da se grazie ad un programma, disponibile anche on line, che consente di creare i profili e di scegliere il colore delle lamelle che le compongono. 

ANYLAMP 
Ancora lampade: le delicate nuvole create da Daniele Balangero di BALUME con sottili strisce di impiallaccio di legno (foto di copertina), le simpatiche creazioni personalizzabili di TEO (timeless Everyday Objects), una giovane azienda tedesca che propone oggetti uno più bello dell'altro, e dell'italiana In-es.artdesign di cui vi avevo già parlato in questo post.

MODU di TEO e CYRCUS LAVAGNA di In-es.artdesign
Infine, una nota green: questi vasi sono letteralmente andati a ruba, come mi hanno raccontato i giovani designer di PIKAPLANT, che sono arrivati, manco a dirlo, da Amsterdam, con il loro rivoluzionario sistema che permette alle piantine di vivere senza doverle innaffiare! Il sistema perfetto per me...Mi sono pentita di non averne acquistati un paio.
Fine del tour: sicuramente la mia selezione è molto limitata rispetto alla quantità di oggetti e progetti presenti, ma anche se ho dimenticato qualcosa di interessante, sono sicura che ne sentiremo parlare!

Vaso PIKAPLANT


Share:

19.4.17

La trasformazione di un ordinario appartamento di 30 mq a Parigi



Metti un appartamento ordinario, con un bagno sproporzionato, una stanza lunga e stretta con un'unica finestra e una cucina piccola e opprimente: è possibile trasformare questo brutto anatroccolo in un'abitazione gradevole e funzionale?
Grazie ad un progetto rigoroso basato su una ripartizione razionale degli spazi, su una palette di colori sobria e mobili su misura, il team dell'agenzia "Les murs ont des oreilles" di Parigi ha dato nuova vita a questo alloggio di soli 30 mq, compiendo un piccolo miracolo.
Cominciamo dall'ingresso, in origine un piccolo disimpegno dotato di ben 4 porte: l'entrata, una porta per il wc, una per la cucina e una per la stanza. I progettisti hanno deciso di creare un open space, aprendo la cucina sul soggiorno, così da poter eliminare due porte e attrezzare una delle pareti dell'ingresso con mobiletti contenitori su misura e con tre appendiabiti di design by ENO Studio.




Tutte le pareti e le ante dei mobili sono state dipinte con la stesso bianco "sporco" (Ammonite di Farrow & Ball), così da unificare lo spazio, rendendolo più fluido e ampio, mentre pennellate di un blu intenso (lo Stiff Key sempre di Farrow & Ball), sottolineano alcune zone, come il muro di fondo della cucina, il decoro delle piastrelle tipo "cementine" che delimita la zona pranzo e il muro della zona notte, visibile attraverso la vetrata che la separa dal soggiorno.
Il divano grigio chiaro con i cuscini color pastello e le lampade in rame danno una nota di freschezza a tutto l'ambiente, sdrammatizzando il rigoroso contrasto tra il bianco e il blu. In soggiorno, sono concessi pochi fronzoli: due tavolini bassi rotondi, scaffali inseriti in una nicchia e un appoggio per la TV.  Tutto l'ambiente è riscaldato da un bel parquet di rovere chiaro.






Un banco bar munito di sgabelli by Norman Copenaghen funge sia da tavolo da pranzo che da contenitore e separatore. La cucina è lineare ed essenziale, disegnata su misura per sfruttare ogni angolo, e gli elettrodomestici sono poco visibili, dalla cappa inserita nel pensile al piano cottura ad induzione. E' stato trovato anche lo spazio per una piccola lavastoviglie da 9 coperti a incasso: la cura per ogni dettaglio è fondamentale quando lo spazio scarseggia!

 


La zona notte é separata dal living tramite un muretto sormontato da una vetrata, attrezzata con una comoda tenda a rullo, ideale per isolare la camera: un armadio su misura con ante scorrevoli a specchio completa l'arredo e contribuisce a rischiarare e ad ampliare lo spazio.



Infine, il bagno é stato ridotto rispetto alle sue dimensioni iniziali, ma risulta perfettamente funzionale: la vasca è stata rimossa e una doccia a filo pavimento é stata collocata in una nicchia precedentemente occupata dal calorifero. Le tubazioni e gli scarichi a vista sono stati mascherati ed un piano in cemento rivestito di piastrelle costruito su misura, con ante e cassetti, anch'essi su misura, alloggia il lavabo da appoggio. Ogni centimetro é stato sapientemente sfruttato, tanto da contenere anche la lavatrice e uno scalda acqua.



Manca purtroppo il bidet è il vaso é collocato in un vano separato: una consuetudine piuttosto scomoda molto diffusa in Francia. Osservando la pianta del progetto, si nota come fosse possibile riunire i due bagni per creare un ambiente unico, per un utilizzo più razionale e funzionale dello spazio.



Idee salva spazio: geniale il mobile TV DIY, ricavato da un mobile-contenitore da cucina munito di rotelle, così da poter essere reinserito nella sua nicchia ad apparecchio spento.
Il banco bar che funge da tavolo da pranzo e utile contenitore.

Fonte: Les murs ont des oreilles via Côte Maison
VISITA ALTRI PICCOLI APPARTAMENTI
Share:

17.4.17

Confettata fai da te: come decorare la casa con stile

Enchanted Empire

Cerimonie, baby shower, compleanni e anniversari: non c’è festa che non preveda la cosiddetta confettata, spesso allestita in casa con tanto di decorazioni a tema.
Organizzare una confettata sembra una cosa semplice: basta ricoprire un tavolo con la tovaglia di Fiandra della nonna e mettere su un tavolo confetti e caramelle, magari utilizzando vasi e ciotole di cui già disponiamo, qualche palloncino colorato ed il gioco è fatto.
In realtà non c’è niente di più triste di un allestimento poco curato, con elementi spaiati disposti a caso, soprattutto se si tratta di una di quelle cerimonie che si festeggiano una volta nella vita!
Bastano pochi accorgimenti per preparare una confettata chic e scenografica, che gli invitati apprezzeranno e non dimenticheranno facilmente, senza dimenticare che la preparazione può essere molto divertente e creativa.

Il tavolo

Per prima cosa scegliete dove collocare il tavolo, tenendo presente che deve essere facilmente accessibile e nello stesso tempo non deve intralciare i movimenti: il posto ideale è lungo una delle pareti della stanza se il tavolo è rettangolare, o in un angolo se rotondo, purché possiate spostare i mobili intorno per far sì che gli invitati possano muoversi liberamente. Se la festa si tiene all’aperto, potete stupire i vostri ospiti allestendo il candy bar su un carretto o su un vecchio mobile in stile shabby chic.


Lo stile

Il secondo passo è quello di scegliere il tema e lo stile della festa, fondamentale per la selezione delle decorazioni, dei contenitori e dei bon bon che comporranno il nostro candy bar. Per le cerimonie, il trend punta sugli stili shabby chic, country, vintage e, nei mesi estivi, marinaro. Per i compleanni, ci si può sbizzarrire con i temi più disparati, soprattutto per i bambini, da Guerre Stellari ai personaggi dei cartoons. Ogni stile o tema è caratterizzato da uno o due colori di base cui andranno abbinati tutti gli elementi, dalle decorazioni ai confetti.

Enchanted Empire

Decorazioni e contenitori


Una volta scelto lo stile, il tema e di conseguenza i colori, potete procurarvi le decorazioni e i contenitori per i confetti.
Non lesinate sugli addobbi e cercate di ottenere un effetto scenografico in ogni zona della casa in cui riceverete gli ospiti, a partire dall’ingresso fino agli spazi all’aperto. Utilizzate palloncini colorati per creare festoni da collocare intorno alle porte e alle finestre, grossi pon pon di carta da sospendere sopra il tavolo della confettata, bandierine e ghirlande per decorare il tavolo.
Per il candy bar, anche qui la parola d’ordine è abbondare: scegliete confetti di gusti e colori diversi e arricchite il buffet con caramelle, pop-cakes, biscotti e marshmallow.
Per i contenitori, utilizzate vasi di vetro di diverse forme e dimensioni per i confetti e le caramelle, collocando i più alti a partire dal fondo del tavolo: disponete poi delle alzatine per i cupcakes ai lati e dei vassoi per i biscotti sulla parte anteriore del tavolo.
Ricordatevi di preparare le targhette per indicare i gusti, i “conetti” in carta o cartoncino che gli invitati riempiranno di bon bon i cucchiai d’argento da inserire nei vasi. Completate con pile di tovaglioli in linea con lo stile o il tema scelto, e la vostra confettata è pronta.


Dove acquistare

Potete recarvi in un negozio specializzato per le feste oppure, opzione molto comoda e in certi casi più economica, acquistare tutto l’occorrente on line.
Per esempio sull'e-shop www.festemix.com trovate tutto il necessario per allestire il vostro candy bar e decorare la casa, in diversi stili e temi, dai matrimoni alle comunioni, dai battesimi ai compleanni.
Per i confetti e i dolci, scegliete prodotti di qualità, magari rivolgendovi alla vostra pasticceria di fiducia per farvi preparare biscotti e dolcetti, e recandovi presso una confetteria che propone prodotti di altissima qualità e con una vasta scelta di gusti. Ricordatevi infine i confetti da lasciare agli ospiti, insieme alle bomboniere, nel caso delle cerimonie: 3 per il battesimo e 5 per il matrimonio, confezionati in contenitori semplici, dai sacchetti di carta rifiniti con etichette alle scatoline in cartone, purché rigorosamente in linea con lo stile e il tema della festa.
Share:

12.4.17

Tendenze arredo 2017: piante in casa #1 - Cactus mania


Il ritorno in grande stile delle piante d’appartamento è già una tendenza da un paio d’anni: insieme al colore verde e ai materiali come rattan, vimini e midollino, le piante sono elementi irrinunciabili del Tropical Style.
Personalmente provo una grande simpatia per i cactus e per le piante grasse in generale, forse perché, non avendo il pollice verde, sono le uniche che riescono a darmi delle soddisfazioni. I cactus hanno bisogno veramente di poche cure: acqua una volta al mese, un po’ dì di concime, tanta luce e  sapranno regalare fioriture spettacolari e durature.
Nel 2016 i cactus in hanno invaso gli interni e i terrazzi, per poi diventare uno dei soggetti preferiti nella decorazione d'interni. Nella storia del design queste piante hanno già ispirato molti designer e alcuni pezzi sono diventati delle icone, come l’appendiabiti Cactus di Gufram disegnato da Guido Drocco et Franco Mello nel 1972, ma mai come oggi troviamo il motivo del cactus un po’ ovunque, dalle carte da parati ai tessili, dalle stoviglie alle stampe.

Come disporre i cactus in casa per creare uno o più angoli verdi gradevoli e di stile?

Per prima cosa, i cactus sono piante “socievoli” che amano stare in gruppo, a meno che non vogliate un enorme Saguaro messicano o un maestoso Cereus peruviano, che possono stare benissimo anche in solitudine. Scegliete diverse specie di cactus per creare delle composizioni e disponete le piante a terra, sul davanzale, su un tavolo, sbizzarrendovi con portavasi e contenitori in armonia con lo stile della stanza, come negli esempi che ho selezionato:


www.papernstitchblog.com


www.apairandasparediy.com



Piante a volontà, ma non solo: per decorare la vostra casa non mancano i prodotti ispirati alle succulente: tessili, carte da parati e stickers, appendiabiti per i bimbi, stampe, etc.

Etsy Shop
Etsy Shop
Cristina Caramida
www.carnetsparisiens.com
www.goodregards.com

Share:
© La gatta sul tetto | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig