28.5.14

{Home relooking} con le...rotelle


Oggi per la rubrica Home relooking parliamo di rotelle...Non di quelle che metaforicamente affollano la nostra mente, ma di rotelle che, applicate ad alcuni oggetti, possono trasformarli in utili complementi per l'arredo di casa nostra.

{Image credits// Tyyli & Koti}

Venite a leggere l'articolo completo su Gushmag
(clic)

A presto!


Share:

23.5.14

{2 italiane in Francia} L'estate, i frutti e i dolci...Clafoutis alle ciliegie


Buon venerdì cari amici! Torniamo in cucina con la rubrica Due italiane in Francia. Anche se l'estate sembra ancora un miraggio, già sui banchi del mercato sono comparse le ciliegie, il frutto che annuncia la bella stagione. Oggi Paola ci propone un dolce francese a base di ciliegie, un classico da provare subito, per assaporare un anticipo d'estate: il clafoutis. Lascio la parola a Paola e vi auguro un buon fine settimana.






















































Per noi, gente del mondo, che non abbiamo la fortuna di vivere vicino al mare e abbiamo quello che si chiama clima continentale, questo periodo dell'anno ci fa letteralmente diventare matti: un giorno sei in espadrillas (no comment, please) e il giorno dopo in sciarpa e piumino... certe volte vedi gente in piumino ed espadrillas (lo so, lo so...) in pratica non esiste il cambio di stagione e hai il raffreddore da Settembre a Giugno (soprattutto i bambini). Ma... ma...ci rendiamo conto che nel resto del mondo c'è un'evoluzione lenta e progressiva verso il caldo dal banco della frutta e della verdura.

Sono apparse le ciliegie, quelle nere e grandi, le Bigarreau (duroni precoci che si coltivano ovunque). Sono apparse pesche, albicocche e prugne. Insomma... tutta frutta buona per farci il più classico dei
classici francese: il clafoutis, merenda dei francesi fin dalla prima infanzia e dessert estivo fresco e leggero (pochi sensi di colpa, insomma!).

Oggi da me vi servo il più classico dei clafoutis: il clafoutis alle ciliegie




Share:

21.5.14

{Home relooking}: le pareti di vetro



Buondì cari amici! Come ogni mercoledì parliamo di Home relooking: oggi le pareti di vetro sono protagoniste della mia selezione. Nell’arredamento l’utilizzo del vetro ha il vantaggio di dilatare la percezione dello spazio e contribuisce ad aumentare la luce, ma non solo...



{image credit//Kim Timmerman}


Venite a leggere l'articolo completo su Gushmag
(clic)

A presto!





Share:

14.5.14

{Home relooking} di primavera: la rosa protagonista



Buondì cari amici! Intanto vi ringrazio per la calorosa accoglienza del mio debutto sul magazine Gushmag. Oggi la rubrica Home relooking torna con alcune proposte legate alla primavera e alla regina di maggio, la rosa. Proposte romantiche ma anche di design, perchè le rose sono sempre attuali

{image credit//Pip Studio}

Per leggere il resto dell'articolo seguitemi su Gushmag
(clic)

A presto!



Share:

12.5.14

{2 italiane in Francia} A Grasse, Sua Maestà la Rosa


Buon inizio settimana. Eccoci tornate con la rubrica Due italiane in Francia. Siete pronti per un viaggio profumato? So che tra i miei lettori ci sono tante anime romantiche che apprezzeranno un viaggio, seppur virtuale, a Grasse, dove in questi giorni si festeggia Sua Maestà la Rosa. Della città di Grasse e delle rose vi avevo già parlato (clic): la città vale una visita per i negozi (brocante, arredamento e tessili in stile provenzale, profumi) e per le famose fabbriche di profumo, un po' meno per la sua bellezza. Ma i francesi, si sa, sono maestri nel valorizzare ogni metro quadrato del loro territorio e Grasse non fa eccezione. Conosciuta come la "capitale mondiale del profumo", Grasse dedica alla rosa ogni anno, nel mese di maggio, una festa di quattro giorni: i negozi, le vie, le fontane, sono addobbate con rose di ogni tipo; spettacoli musicali e teatrali animano le serate, oltre a laboratori e esposizioni di composizioni floreali. Due mercati all'aperto offrono lo spunto per interessanti acquisti: uno dedicato alla gastronomia e uno alle rose, strepitoso...Di fiori non capisco nulla e il mio pollice non è certo verdissimo, ma le rose che ho ammirato in questa occasione erano davvero straordinarie. Io ho acquistato una pianta ancora in boccio, molto robusta, così ho più probabilità di vederla prosperare: ve la mostrerò appena fiorisce.
Ma ora basta parole, vi lascio alle immagini di questa giornata tra le rose: bonne promenade!
















{All photo by me}

Incontri:

Lo sciroppo di rose 
ho degustato lo sciroppo di rosa in una boutique di Grasse, delizioso. Così ho scoperto La Royrie, che  produce un eccellente olio d'oliva denominato AOP Nice. Nella loro tenuta organizzano visite con degustazioni dell'olio e dei loro prodotti. Una visita che vorrei fare prossimamente.

La rosa provenzale
o Baptistine Centifolia (nona foto a partire dall'alto). Creata da Roseline Giorgis, ha ottenuto il marchio comunitario OCVVV nel 2013. Viene utilizzata nei giardini e nell'industria del profumo, nella cosmesi e nella gastronomia. L'associazione si occupa di ricerca e produzione ispirate alla rosa, tecniche bio,  organizza visite al loro giardino e vivaio a Isle sur la Sorgue e altre iniziative.

Informazioni e indirizzi


Io e Paola vi diamo appuntamento al prossimo post della rubrica





Share:

7.5.14

Una nuova collaborazione: I'm a gushmagger


Buondì cari amici, da oggi sono ufficialmente una gushmagger! Vi chiederete cosa significa questa parola e cosa vuol dire essere una gushmagger: semplicissimo...da oggi collaboro con il social magazine Gushmag, nel quale avrò una rubrica tutta mia.
Gushmag è il primo aggregatore di rubriche online. Si tratta di un magazine che tratta vari argomenti:  cinema d’autore e musica, diritto del lavoro e associazioni umanitarie, agricoltura spiegata ai giovani e mete turistiche, grafica piccante e moda, pallavolo Serie A e salute bio. 
Ogni rubrica ha cadenza settimanale: il lunedì il tema è news & society, il martedì fashion & lifestyle, il mercoledì arts & culture, il giovedì tech & web, il venerdì food & beverage, il sabato sports & wellness e la domenica è a tema libero.  Una fonte di informazioni e ispirazioni a 360°.
La mia rubrica si intitolerà Home Relooking (vi ricorda qualcosa?) e gli articoli saranno pubblicati ogni mercoledì: per seguirmi non dovete fare altro che cliccare sul link della mia pagina su Gushmag che metterò nell'anteprima del post qui sul mio blog.Parto dunque con questa nuova avventura con il primo articolo della rubrica: vi lascio un indizio fotografico...

{image credit//Primitive & Proper}

Vi ho incuriositi? Allora leggete il mio articolo su Gushmag
(clic)   


A presto e buona giornata!






°°°

Share:

5.5.14

{2 italiane in Francia} La Brioche di Julia Child


Buon lunedì! Eccoci tornate con la rubrica Due italiane in Francia. In questo periodo la mia amica Paola sta esplorando il mondo profumato e goloso delle brioches...Credo che prossimamente ne vedremo (e gusteremo) delle belle. Già vi abbiamo parlato qui della ricetta della brioche classica francese. Oggi vi raccontiamo la storia, e la ricetta, della Brioche di Julia Child.
Ma chi è Julia Child? Lascio a Paola le presentazioni, ma vi lascio un indizio: chi ha visto il film Julie et Julia sa che si tratta di una storia di cucina (francese), di una donna espatriata in Francia, e di una food blogger.



Paola


Ho conosciuto Julia Child grazie al bellissimo film intitolato July & Julia e me ne sono immensamente innamorata. Oltre al fatto che Julia Child è stata interpretata da una favolosa Meryl Streep (che ho sempre adorato come attrice), tramite questo film-biografia ho finalmente trovato una coppia felice, una donna soddisfatta e curiosa che sbarcando a Parigi decide di liberarsi dell'inevitabile noia delle lunghe giornate solitarie (mentre il marito era al lavoro), dedicandosi a uno dei più grandi piaceri del marito: la cucina :D 

Niente corna, niente segreti... finalmente è stata descritta una vita pulita (come ce ne sono tante) e felice! Julia Child si è avvicinata così tanto alla cucina nell'esperienza francese descritta nel film, da diventare il suo nuovo lavoro: ha pubblicato svariati libri di ricette ed ha presentato un programma di cucina talmente famoso e divertente (Julia parlava al cibo in farsetto) da dare ispirazione per un personaggio di pupazzi per bambini.

Una donna dolce e premurosa che si è appassionata alla cucina per piacere e per dare piacere, perché in fondo cucinare è un atto d'amore e servire un piatto è un dono che facciamo a chi siede alla nostra tavola...

Mettiamo una domenica mattina qualunque. La domenica nessuno va di fretta, possiamo rimanere in pigiama fino a tardi e possiamo prenderci il nostro piacere della colazione con lentezza. Me la immagino Julia che sforna delle fragranti brioches per accompagnare il caffèlatte del mattino... mi immagino la sua soddisfazione a vedere il marito (noto buongustaio) mangiarle e compararle con quelle del bistrò sottocasa... me lo immagino perché le sue brioches le ho fatte anche io, e se volete farle anche voi non dovete far altro che venire a leggerne la




Io e Paola vi diamo appuntamento al prossimo post!




°°°
Share:
© La gatta sul tetto | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig