13.6.14

{2 italiane in Francia} Show cooking: la salade Niçoise protagonista


Buondì cari amici, è da tanto tempo che non aggiorno il blog. Il motivo è semplice: sono stata impegnata per la manifestazione L’Italie à Table a Nizza, in veste di blogger e fotografa.
Per quattro giorni ho seguito eventi, fotografato prodotti italiani provenienti da ogni regione, degustato piatti e vini superlativi, conosciuto tante persone, alcune famose, altre simpatiche e coinvolgenti.
Questa volta per la rubrica Due italiane in Francia non sarà Paola a parlarvi di cucina e, vista l'occasione, vi posterò anche una ricetta, rigorosamente nizzarda.
Infatti, pur trattandosi della festa della qualità enogastronomica italiana, alcuni eventi hanno riguardato la cucina tradizionale della città che da dieci anni ospita questa fiera, organizzata dalla Camera di Commercio Italiana di Nizza.
Nizza è una città francese, ma i suoi abitanti si sentono Niçois: è una città dalle tradizioni radicate e dalla forte identità, tanto da avere una propria lingua (un dialetto con influenze piemontesi, liguri e provenzali), un proprio inno intitolato Nissa la Bella e, soprattutto, una propria cucina.
Nizza è l’unica città francese, assieme a Lione, ad avere un marchio che tutela la cucina tradizionale: se vi trovate a Nizza e volete gustare piatti celebri come la Salade Niçoise, il Pan Bagnat, la Socca (simile alla nostra farinata di ceci), la Pissaladière, la Tourte de Blettes (una torta a base di erbette, formaggio e pinoli), la Soupa au Pistou (zuppa con pesto) e molti altri, cucinati secondo le ricette originali, non vi resta che recarvi in uno dei ristoranti che espongono il marchio “Cuisine Nissarde”.

L’evento che vi racconto oggi riguardava uno di questi piatti, la Salade Niçoise, reinterpretata da quattro protagonisti della gastronomia locale.
Ma prima eccovi la ricetta della vera Insalata Nizzarda:

SALADE NIÇOISE
(La salada Nissarda)

Ingredienti


Scegliete ingredienti freschi e di stagione. In primavera la Salade si arricchisce di fave fresche e cuori di carciofi violetti dalle foglie tonde e senza spine. I pomodori devono essere rossi e ben maturi.


6 pomodori maturi
200 gr di fave fresche
1 piccolo peperone verde dolce
6 acciughe dissalate (12 filetti)
tonno in scatola al naturale
qualche foglia di basilico
3 cipollotti bianchi
qualche gambo di cuore di sedano
3 piccoli carciofi violetti
1 piccolo cetriolo (facoltativo)
12 rapanelli
foglie di insalata mista (facoltativo)
olive nere di Nizza 
3 uova
uno spicchio d’aglio
sale, pepe, olio extra vergine d’oliva 
un limone (per i carciofi)

Preparazione

Cuocere le uova per sei minuti, tuffarle nell’acqua fredda, sbucciarle e tagliarle in quattro.
Lavare e scolare bene  l’insalata e il basilico.
Risciacquare i filetti d’acciuga, separare i filetti. Ridurre il tonno in piccoli pezzi.
Sbucciare le fave. Lavare e tagliare i rapanelli, i cipollotti, il sedano, il cetriolo e il peperone in piccole rondelle.
Pulire i carciofi, tagliarli finemente e immergerli nell’acqua con il succo del limone.
Tagliate i pomodori in quattro pezzi e sbucciate lo spicchio d’aglio.

Prendete 4 piatti capienti e strofinateli con lo spicchio d’aglio tagliato in due.
Ora procedete a disporre gli ingredienti a strati: cominciate dall’insalata e proseguite con i quarti di pomodoro, le lamelle di cetriolo, sedano, carciofi, ravanelli, peperone, cipollotto. Guarnite con le fave, le uova, i filetti di acciughe, il tonno e le olive nere.
Completate con le foglie di basilico spezzate con le mani, condite con sale, pepe e olio d’oliva.

Questa insalata è un eccellente piatto unico, perfetto per il periodo estivo.


l'Italie à table salade nicoise
Ora vi racconto l'evento cui ho assistito, uno "show cooking" animato da quattro personaggi molto famosi a Nizza. Inizio con Frank Viano, vincitore di "Un diner presque parfait", una trasmissione televisiva molto seguita in cui i protagonisti si sfidano a colpi di cene "quasi perfette"

Frank ha proposto la sua Millefoglie di Salade Niçoise, composta con gli ingredienti che abbiamo visto e sormontata da una "gelée au basilic" strepitosa.



Il secondo protagonista è Daniel Silvetti chef del ristorante Lu Fran Calin che ha unito la Salade Niçoise ad un altra famosa preparazione nizzarda, il Pan Bagnat.



La terza protagonista dello show cooking è Laurence Duperthuy-Stramigioli, food blogger con il suo Variations Gourmandes, che ha preparato un piatto dal tocco delicato e femminile, intitolato Promenade dans un jardin...una vera poesia per tutti sensi.


Infine, ecco Luc Salsedo, patron del ristorante omonimo, che ha creato una raffinata terrina sormontata da una chip di Socca. Queste Chips sono delle sfogliette di socca molto più buone e leggere delle patatine fritte....assolutamente da provare!




{All photo by me}

Vi lascio alcuni riferimenti per chi volesse approfondire l'argomento o appuntarsi degli indirizzi per un'eventuale viaggio a Nizza



A presto!




Cinzia e Paola
Share:
© La gatta sul tetto | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig