7.3.14

{2 italiane in Francia} Il Carnevale di Nizza


Buon venerdì! Oggi post coloratissimo per la rubrica Due italiane in Francia: non potrebbe essere altrimenti, visto che il tema è il Carnevale.
Per la precisione si tratta del Carnevale di Nizza, che attira ogni anno dai 150.000 ai 200.000 spettatori paganti, senza contare quindi le persone che assistono alle parate gratuitamente lungo le vie. Come promesso a Paola, sono riuscita a scattare qualche foto nonostante la folla oceanica che domenica scorsa ha invaso la città, armata di coriandoli, bombolette (mi mancano le vecchie stelle filanti di carta) e bimbi mascherati e scatenati.
Lo so, sono fuori tempo massimo, nel senso che il carnevale è già finito, ma se a qualcuno venisse voglia di assistervi l'anno prossimo, qualche informazione potrebbe essere utile fin da ora.




Il Carnevale di Nizza ha una tradizione antica: le prime notizie storiche risalgono alla fine del Duecento, e si tratta del più famoso carnevale in terra francese.
Ogni anno viene scelto un tema che, fino all'ultimo momento,  solo gli addetti ai lavori conoscono. I carri traggono ispirazione innanzitutto dalla tradizione locale nizzarda: allegorie, satira politica e sociale, il tutto declinato in una dimensione fantastica.
Quest'anno il tema scelto è "Il Re della gastronomia", e Nizza ha molto da dire in materia, vista la tradizione della sua cucina rinomata (ma di questo vi parlerò in un altro post).
Le sfilate dei carri, che si protraggono per tre settimane, sono alternate alle "battaglie dei fiori", sfilate di carri completamente ricoperti di fiori freschi di produzione locale, che bellissime modelle e ballerine gettano sulla folla.




Per le vie del centro hanno sfilato 18 carri a tema gastronomico con ortaggi, torte, panini, piatti succulenti, vino, birra e perfino gli insetti, che per alcuni sono il cibo del futuro (va detto che io piuttosto moro de fame...). I carri erano decisamente maestosi: l'altezza variava dagli 8 ai 20 metri! 
Hanno aperto la sfilata il Re della gastronomia, seguito dalla Regina e dal loro figlio "Carnavalon".



In un carnevale che si rispetti non può mancare la satira politica: terrificante la cancelliera della Germania che si "pappa" in un sol boccone Grecia, Italia, Spagna e Portogallo!
Posto d'onore anche per Francois Hollande, il presidente francese in carica, rappresentato su un carro popolato di topi che mangiano il formaggio...Chissà cosa vorrà dire...




Il carnevale è soprattutto la festa dei bimbi...e degli adulti che amano tornare piccini


La festa si conclude il martedì grasso con un'ultima sfilata notturna, seguita dai fuochi d'artificio e dal rito del falò del carro del Re del Carnevale. E' l'inizio della Quaresima.


Per informazioni:



A presto!




SHARE:
Blogger Template Created by pipdig