16.5.13

La dimora storica "Il Torrione" e il suo parco romantico


Buon venerdì cari amici. Oggi vorrei condividere con voi la mia esperienza alla dimora storica "Il Torrione" a Pinerolo (TO). gioiello che ricalca quasi fedelmente il progetto di Xavier Kurten (1812-1840). Insieme ad altre dieci blogger accompagnate dai rispettivi mariti e fidanzati, sono stata invitata a trascorrere un fine settimana in questo luogo straordinario, da Antonella Bentivoglio d'Afflitto, esperta in comunicazione, organizzazione di eventi e marketing.


La dimora deve il suo nome all'antico maniero fortificato che sorgeva in questo luogo fin dal medioevo; nei sotterranei sono conservati i resti delle mura del possente torrione. L'aspetto attuale della dimora deriva da successivi interventi, effettuati a partire dal Seicento.


Il fiore all'occhiello della proprietà è costituito dal parco, un autentico giardiniere ed architetto di giardini tedesco, che introdusse in Piemonte il concetto di giardino romantico all'inglese.
Qui sotto, il disegno originale datato 1835.


Il giardino all'inglese, al contrario del giardino rinascimentale italiano, vuole offrire una visione meno "addomesticata" della natura, in cui l'intervento umano è apparentemente assente. 
In realtà anche il giardino inglese è progettato con attenzione, nella scelta degli scorci prospettici, dei percorsi sinuosi che si inoltrano in boschetti e sfociano in radure, nel collocare elementi architettonici.


Il parco vanta la presenza di numerosi alberi secolari, che si possono ammirare seguendo il percorso che costeggia il grande prato antistante la dimora: nel sottobosco abbondano le ortensie che offrono una spettacolare fioritura a partire da fine maggio.


Percorrere questo parco è un'esperienza emozionale: ad ogni passo vi è una scoperta, una presenza inattesa, come quella del laghetto incantato nel quale si riflettono il cielo blu e le fronde degli altissimi alberi che lo circondano.






Nel grande prato pascola indisturbato un bel gregge di pecore Texel, di origine olandese, che due volte l'anno vengono portate fino a Briançon per la tosatura: dalla loro lana si ricavano caldissime e morbidissime coperte e plaid che si possono acquistare direttamente al Torrione.


Oltre alle pecore e alle oche che presidiano in lago, si possono fare altri incontri, come questo leprotto che sono riuscita a immortalare alle sette della domenica mattina.


Oltre ad aver gustato questo idilliaco paesaggio da Arcadia, siamo stati colpiti dalla squisita e calorosa ospitalità della proprietaria della dimora, la marchesa Anna Doria Lamba, una donna energica e appassionata che ci ha aperto la sua casa, raccontato storie e aneddoti legati alla famiglia e ai celebri ospiti della Maison d'Hôtes e intrattenendosi poi, durante l'aperitivo, con tutti noi individualmente.



Infine, abbiamo condiviso tutto questo con le altre blogger e i loro mariti e fidanzati, all'insegna della rilassatezza e dell'allegria: un fine settimana meraviglioso sotto tutti gli aspetti (notate il sole e il cielo azzurro?? Una rarità quest'anno!)


Un grazie di cuore ad Antonella Bentivoglio d'Afflitto per l'invito e l'impeccabile organizzazione, alla marchesa Anna Doria Lamba per l'ospitalità e la travolgente simpatia, e ad Antonella, segretaria della marchesa, che ci ha accolti al nostro arrivo mettendoci subito a nostro agio.


Non mi resta che salutarvi e consigliarvi di tenere "Il Torrione" tra gli indirizzi  utili e di progettare un viaggio per ammirarlo e trascorrervi qualche giorno in una delle deliziose stanze della Maison d'Hôtes, magari in occasione della fioritura delle ortensie, domenica 23 giugno (prenotazioni visite guidate entro giovedì 20 giugno tel: 0121 322616)

Per info


Un abbraccio!









Share:
© La gatta sul tetto | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig