1.5.12

1° maggio

Come la festa della donna, anche la festa dei lavoratori nasce dalla commemorazione delle vittime della repressione: a Chicago nel 1886, gli operai scioperavano perché l'orario di lavoro nelle fabbriche non superasse le otto ore. Le manifestazioni furono represse nel sangue. Se vi interessa la storia del 1° maggio leggete qui.
Oggi, con la scusa di una crisi creata dai potenti della finanza, si vogliono azzerare tutti i diritti acquisiti in anni di lotta, utilizzando l'odiosa arma del ricatto: se vuoi lavorare dimentica la tua dignità.
Ho scelto questa foto che per me rappresenta la condizione di chi ha bisogno di lavorare per vivere:
sospesi nel vuoto...è sufficiente un momento di disattenzione per precipitare nel vuoto e sotto, a trecento metri, non ci sono reti di protezione...
Un buon 1° maggio a tutti, nonostante tutto
Cinzia



Charles C. Ebbets,  Pranzo in cima al grattacielo, 1932

Share:
© La gatta sul tetto | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig