{2 italiane in Francia} La Brioche di Julia Child

Buon lunedì! Eccoci tornate con la rubrica Due italiane in Francia. In questo periodo la mia amica Paola sta esplorando il mondo profumato e goloso delle brioches…Credo che prossimamente ne vedremo (e gusteremo) delle belle. Già vi abbiamo parlato qui della ricetta della brioche classica francese. Oggi vi raccontiamo la storia, e la ricetta, della Brioche di Julia Child.

Ma chi è Julia Child? Lascio a Paola le presentazioni, ma vi lascio un indizio: chi ha visto il film Julie et Julia sa che si tratta di una storia di cucina (francese), di una donna espatriata in Francia, e di una food blogger.

Paola

Ho conosciuto Julia Child grazie al bellissimo film intitolato July & Julia e me ne sono immensamente innamorata. Oltre al fatto che Julia Child è stata interpretata da una favolosa Meryl Streep (che ho sempre adorato come attrice), tramite questo film-biografia ho finalmente trovato una coppia felice, una donna soddisfatta e curiosa che sbarcando a Parigi decide di liberarsi dell’inevitabile noia delle lunghe giornate solitarie (mentre il marito era al lavoro), dedicandosi a uno dei più grandi piaceri del marito: la cucina 😀 

Niente corna, niente segreti… finalmente è stata descritta una vita pulita (come ce ne sono tante) e felice! Julia Child si è avvicinata così tanto alla cucina nell’esperienza francese descritta nel film, da diventare il suo nuovo lavoro: ha pubblicato svariati libri di ricette ed ha presentato un programma di cucina talmente famoso e divertente (Julia parlava al cibo in farsetto) da dare ispirazione per un personaggio di pupazzi per bambini.

Una donna dolce e premurosa che si è appassionata alla cucina per piacere e per dare piacere, perché in fondo cucinare è un atto d’amore e servire un piatto è un dono che facciamo a chi siede alla nostra tavola…

Mettiamo una domenica mattina qualunque. La domenica nessuno va di fretta, possiamo rimanere in pigiama fino a tardi e possiamo prenderci il nostro piacere della colazione con lentezza. Me la immagino Julia che sforna delle fragranti brioches per accompagnare il caffèlatte del mattino… mi immagino la sua soddisfazione a vedere il marito (noto buongustaio) mangiarle e compararle con quelle del bistrò sottocasa… me lo immagino perché le sue brioches le ho fatte anche io, e se volete farle anche voi non dovete far altro che venire a leggerne la

ricetta su http://www.diariodicucina.it/brioches-francesi-julia-child/

Io e Paola vi diamo appuntamento al prossimo post!

°°°

Leave a Reply

19 Comments

  1. 05/05/2014 / 8:41

    Sante parole Cinzia.
    Ieri una giornata bellissima che ho dedicato al relax.
    Colazione al bar della piazza con una buonissima brioche e lunga passeggiata sul fiume.
    A presto Betti

  2. 05/05/2014 / 9:37

    colazioni con fragranti brioches è il massimo!!! almeno la domenica dovremmo concedercelo!!! un abbraccio grande e buona settimana Lory

    • 06/05/2014 / 10:32

      Sì… almeno la domenica! Pensi di concedertelo domenica prossima?

  3. 05/05/2014 / 10:48

    adoro, adoro, adoro…Julia Child, la France…le brioches…
    …queste brioches!
    Una delizia!

  4. 05/05/2014 / 11:06

    Da segnare subitissimo anche questa… e quasi quasi mi rivedo anche il film, che fa sempre bene agli occhi e al palato! 😉

  5. 05/05/2014 / 12:09

    Che coincidenza proprio ieri sera ho rivisto il film.. non so più a quante volte sono arrivata!Sai che le brioches invece sono estremamente tradizionali in Sicilia, anzi io davo per scontata la paternità ma evidentemente i Francesi c'hanno messo il loro zampino. Buonissime!Tengo la ricetta nel mio piccolo taccuino di ricette .. ancora per timore non l'ho provata.

    • 06/05/2014 / 10:28

      Ma che timore e timore. Anche io all'inizio non osavo, e adesso non mi sembrano neanche difficili. Comincia e vedrai che soddisfazione la mattina 😀

  6. 05/05/2014 / 13:19

    Corro di là dalla tua amica….Madonnina Cinzia….alla faccia della dieta!!! Smack. Paola

  7. 05/05/2014 / 18:13

    tutto delizioso, grazie attendiamo nuove golosità, a presto quindi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *