Featured Slider

A spasso con Elena: la Copenaghen del design

Buondì cari amici, oggi ho il piacere di annunciarvi una rubrica tutta nuova, dedicata ad un binomio che tutti gli appassionati di interni sicuramente apprezzeranno: Copenaghen + design!
Ebbene si, grazie ad Elena, che vive nella capitale nordica del design e lavora come guida turistica, potrete conoscere questa meravigliosa città e scoprire tutte le meraviglie che custodisce.
Elena ci accompagnerà nella Copenaghen del design, e non solo; per farvi un'idea visitate il suo blog "A spasso con Elena" e cominciate a viaggiare, in attesa del primo post. Intanto comincio con presentarvi Elena, che vi racconterà come è nata la nostra collaborazione e vi darà un appetitoso anticipo dei posticini in cui ci accompagnerà. Sono certa che dopo aver letto un paio di articoli qualcuno di voi prenoterà un volo per questa bellissima città....


Castello neo-rinascimentale Rosenborg - Copenaghen

ELENA
Quando ho scoperto il blog di Cinzia, grazie ad un amico che abbiamo in comune, mi sono subito follemente innamorata del suo stile. Apprezzo le foto che sono scelte accuratamente una ad una, nonché i temi che Cinzia tratta nei suoi articoli. In La Gatta sul Tetto ho ritrovato quello stile un po' nordico, che ben conosco, giacché vivo in Danimarca da quattro anni. Mi ci sono trasferita per amore–studio–lavoro a inizio 2013 e ancora qui vivo...come sempre la vita ci sorprende! L'inizio in terra scandinava non è stato affatto facile, anzi, dopo i primi mesi già non vedevo l'ora di tornare in Italia. Sarà perché le tante ore di buio di inverno mi deprimevano, sarà perché non riuscivo a capire nulla quando i danesi parlavano tra di loro, sarà perché stavo scrivendo la mia tesi specialistica, che è di per sé un evento importante e fonte di tensione e ansia, a prescindere dal luogo in cui uno si trova. A conferma il fatto che dopo aver difeso la tesi ed esser tornata dall'Italia, la mia vita al nord è totalmente cambiata e ho iniziato ad amare profondamente il paese in cui avevo deciso, insieme al mio ragazzo, di vivere. Una delle mie missioni è di far amare Copenaghen anche a voi altri, a voi che non la conoscete, a voi che ci siete già stati tante volte, a voi che non ci siete mai stati, a voi che state aspettando il momento giusto per prenotare il volo, a voi che ci vivete!

casa-museo di Finn Juhl, a Ordrup


La collaborazione tra me e Cinzia nasce dalla passione comune per il design di interni. Cinzia è una professionista e una vera e propria appassionata, visto che addirittura crea oggetti fai da te e vi offre buonissimi consigli per rinnovare un vecchio abat-jour in poche mosse, organizzare la stanza da letto in modo da renderla più luminosa, e via dicendo. Io, invece, mi limito ad osservare e a prendere ispirazione, per il momento. Ho da poco cambiato casa e sto aspettando il giorno epifanico per sistemare ogni stanza. Nel frattempo leggo i post di Cinzia che mi sono sicuramente di aiuto! Osservo il design di interni nelle case, nei negozi, nei musei, e ne rimango sempre affascinata. Il mio lavoro come guida turistica mi porta spesso a stare in contatto con l'opera di designer danesi che hanno segnato la storia del design in Danimarca e internazionalmente. E' il caso per esempio delle poltrone firmate Arne Jacobsen, delle lampade di Poul Henningsen, e delle sedie dai colori sgargianti progettate da Verner Panton. Oltre a questi grandi nomi, a Copenaghen c'è una grande rosa di giovani designer, le cui creazioni si possono comprare in giro per la città, nei negozi più di tendenza nelle vie centrali dello shopping, oppure in quelli negli angoli più nascosti.

Ziestha

Abbiamo deciso così che nei prossimi articoli vi racconterò de La Copenaghen del design! Vi farò scoprire infatti, articolo dopo articolo, la bellezza di questa città, raccontandovi dei suoi tanti quartieri. Da Østerbro a Vesterbro; da Nørrebro a Frederiksberg: ognuno è unico nel suo rendere Copenaghen una città meravigliosa. E vi darò consigli su quali negozi visitare in oguno di questi quartieri, cosicché sarete preparatissimi nel caso di un futuro soggiorno a Copenaghen. Vi mostrerò il design delle idee regalo, dei soprammobili, dell'arredamento di interni, e delle opere fatte a mano di artisti locali. 
Non vedo l'ora di iniziare a ricevere commenti e idee da parte vostra! Non mi resta che ringraziare pubblicamente Cinzia per l'opportunità concessami e augurare a tutti voi una buona lettura!

A prestissimo,
Elena 

Ristrutturare: classico e design in perfetto equilibrio



Uno degli aspetti più critici di un progetto di ristrutturazione è l'armonizzazione tra la struttura dell'abitazione e lo stile di arredo, e talvolta gli stili non coincidono. Un appartamento dei primi del Novecento ha una struttura molto diversa da un loft ricavato da un capannone industriale, e la scelta degli arredi dovrà necessariamente essere adeguata all'ambiente che vogliamo arredare.
Questo non significa, tuttavia, che in una casa antica non si possano introdurre elementi di uno stile più recente o viceversa: armonizzare gli stili è la parte più impegnativa e affascinante di un progetto, ed uno dei fattori più importanti per la sua riuscita.
Oggi vi mostro un'appartamento dei primi del Novecento a Madrid. L'intervento è stato realizzato da Ateliers HS in modo da mantenere e valorizzare le strutture esistenti, adattandole alle esigenze contemporanee. Dove possibile sono stati mantenuti gli elementi originali, con grande attenzione per i dettagli architettonici e decorativi; è stata operata una scelta accurata dei rivestimenti nello stile d'epoca, in perfetta armonia con le finiture originali della casa.  Per l'arredo sono stati selezionati mobili di design accostati a pezzi di recupero, creando un piacevole contrasto che alleggerisce l'ambiente: il risultato è sorprendente, grazie al perfetto equilibrio tra classico e design.














Source//MiCasa





Milano Design Week, istruzioni per l'uso


Oramai ci siamo, tra pochi giorni prende il via la Milano Design Week, con la 55a edizione del Salone del Mobile ed eventi connessi: senza dubbio si tratta della manifestazione internazionale più importante dedicata al design, che si svolge a Milano dal 12 al 17 aprile.
La Milano Design Week è un evento singolare nel panorama mondiale, in quanto coinvolge una intera città ed è capace di catalizzare diversi ambiti culturali: oltre al Salone vero e proprio, in parallelo si svolgono diverse mostre interessanti e l’ormai celebre “FuoriSalone”,  con visite, party, show cooking e altre iniziative organizzate dagli show room, dai laboratori e dagli studi disseminati per tutta Milano. 


Sergio Bicego per Saba Italia, collezione New York



Visto che nessuno possiede il dono dell'ubiquità, è chiaro che non potrete vedere tutto:  il Salone ufficiale ospita circa 1.300 espositori e tre saloni tematici, mentre per i FuoriSalone sono previsti 1130 eventi!
Come fare dunque per vivere al meglio questa elettrizzante settimana meneghina? La cosa migliore da fare è organizzare la visita in anticipo, in modo da sfruttare al massimo il tempo a disposizione ed evitare che si trasformi in un tour de force. Consiglio di scegliere poche cose e di concedersi delle soste, altrimenti rischiate, oltre a mal di schiena e piedi gonfi, di fare un'indigestione di design con tutte le conseguenze del caso!

Partiamo dal Salone ufficiale

L'ingresso è riservato agli operatori del settore e per i privati sono previste le giornate del 16 e 17 aprile. La prevendita dei biglietti è disponibile solo per gli operatori, fino al 15 aprile e previa registrazione sul sito, ed è utile per evitare le code all'ingresso: qui (clic) trovate tutte le info. Il pubblico invece potrà acquistare il biglietto direttamente agli sportelli. Le info sui prezzi delle tessere-ingresso per il pubblico le trovate qui (clic).
Scegliete in anticipo i padiglioni e gli stand da visitare e createvi una mappa, in modo da non correre su e giù come una pallina da flipper per i 150.00 metri quadrati di esposizione.
Per questo scaricatevi la mappa qui (clic) e consultate l'elenco degli espositori (clic).
Scaricate anche l’App Salone del Mobile.Milano 2016 , gratuita e disponibile per iPhone, iPad e dispositivi Android. (se non è ancora disponibile, pazientate ed abbiate fede)
Vi ricordo che oltre all'esposizione, tornano le biennali EuroCucina con l’evento collaterale FTK (Technology For the Kitchen) e il Salone Internazionale del Bagno.

Sika-design collezione Exterior 

*Un consiglio: se avete una lista dei vostri designer preferiti, cercate nei loro siti ufficiali notizie sulla loro eventuale partecipazione, individuate gli stand che espongono i prodotti con la loro firma e concentratevi unicamente su di loro. 
Da non perdere anche la Mostra-evento  “Before Design. Il Classico in mostra”, accompagnata da un cortometraggio firmato da Matteo Garrone (il regista di Gomorra). Il filmato narra di alcuni bambini che, in un mondo post-atomico, riescono a salvare e a recuperare alcuni classici intramontabili del Made in Italy, veri e propri tesori del passato che si sono conservati nel tempo.



SaloneSatellite

Anche quest'anno si svolge il SaloneSatellite, tema di quest’anno “Nuovi materiali, Nuovo design/New materials, New design”.
Da non mancare! Intanto l’ingresso è aperto a tutti ed è gratuito. E se siete in cerca di nuovi materiali, idee e soluzioni, questo è il posto giusto, in quanto raccoglie i prototipi delle giovani promesse del design provenienti dal mondo intero, i cui tre migliori saranno premiati da una giuria internazionale. La casa del futuro vi aspetta nei padiglioni 13-15.

Space&interiors


Evento connesso al Salone, Space&interiors mette in mostra le nuove tendenze in tema di superfici, pavimenti, porte e finiture per l’architettura. Il suggestivo allestimento sarà ambientato a The Mall, esclusiva e innovativa location nel cuore del Porta Nuova Design District di Milano (zona corso Como-Garibaldi). Dal 12 al 16 aprile, qui  tutte le info (clic).

Fuorisalone

Non c'è Salone senza Fuorisalone...Intanto non si tratta di un evento fieristico, in quanto non ha un’organizzazione centrale e non è gestito da alcun organo istituzionale : è nato spontaneamente nei primi anni ’80 dalla volontà di aziende attive nel settore dell’arredamento e del design industriale.

Prendete carta e penna e annotatevi gli eventi che non volete assolutamente perdere: qui (clic) trovate tutte le informazioni.
Ecco i link agli eventi organizzati dai distretti più importanti:




     






















Un ultimo consiglio: consultate anche il sito della rete dei mezzi pubblici milanesi (ATM) per scoprire come verrà potenziato il servizio (clic) per tutta la settimana, e scaricate la ATM Milano Official App per muovervi senza problemi utilizzando le 5 linee della Metropolitana e i mezzi di superficie.
Non mi resta che augurarvi buona Milano Design Week!

Cinzia

La primavera in casa: arredare con le piante



La primavera è arrivata: viene voglia di spalancare le finestre, di ravvivare i colori. Nel 2016 la tendenza è marcatamente "green", e non solo per i colori dei complementi e dei tessili: le piante da interni ritornano protagoniste dopo molti anni di oblio. Arredare con le piante è il modo migliore per portare la primavera in casa! Via libera dunque agli eleganti ficus, alle cascate di foglie dei photos, alle leggiadre felci ed esotiche palme, senza dimenticare le succulente di tutte le forme e dimensioni, vere e proprie sculture viventi.

credits
credits
Scegliete le piante in base alla posizione in cui desiderate collocarle, tenendo presente le condizioni ambientali come la luce, la temperatura e l'umidità. Le piante in vaso non amano essere spostate spesso e sono molto sensibili alle correnti d'aria, e ogni specie ha esigenze specifiche: sicuramente il vostro vivaista saprà consigliarvi le piante più adatte per ogni ambiente.
Le piante portano un tocco di freschezza e colore in ogni ambiente, e con un po' di fantasia si possono trovare soluzioni creative e di stile per inserirle nell'arredamento esistente. Sbizzarritevi con vasi e portavasi: grezzi, decorati o in materiali che si armonizzano con l'ambiente, la scelta è molto vasta, e se avete il pallino della decorazione, allora non ci sono limiti alla fantasia. 

photography byby kimberley dhollander and philippe corthout


Di grande attualità in questa primavera 2016, le piante sospese: appese, su mensole e mobili (se scegliete una posizione difficilmente raggiungibile, privilegiate piante che necessitano di poca acqua)


credits


credits
Aggiungi didascalia

Le succulente sono molto resistenti e, grazie alle loro forme geometriche, possono diventare una sorta di "soprammobile vivente"

credits
Poi ci sono le piante dal portamento elegante, come la palma, capace di dare anche un tocco esotico

credits

Con poca spesa e qualche attenzione potete dare un aspetto nuovo e "green" alla vostra casa, senza contare che la cura delle piante è un'attività rilassante capace di donare molte soddisfazioni.

A presto!

Cinzia